L’identità

Quando smettiamo di essere persona per diventare patologia?
Certe volte non è una copertina molto più comoda, quella della diagnosi, che ci permette di nasconderci in un angolo e farci ritrarre uguale a molti altri?

Qualche mese fa, all’inizio del percorso, andai a ritirare i  risultati dell’esame istologico. Meglio: andai a ritirare i risultati già conoscendoli.
All’IFO credo se ne occupi, per quel che riguarda la Breast Unit, solo una donna, P.
In quell’occasione mi confidò di avere avuto la stessa malattia (ma a 45 anni, non a 33, volle specificare) e mi fece una domanda difficile, la più difficile, la più fatta e quella alla quale si mente di più durante tutta la vita:

Come stai?

La mia risposta sarebbe ancora oggi identica:
Come tutte.

La malattia appiattisce anche l’identità personale. Siamo noi, siamo sempre noi, ma siamo (soprattutto) persone in una determinata condizione. Questo rende comuni (se non vogliamo dire banali) i nostri pensieri, i nostri sentimenti, le nostre reazioni.
Ci sono delle piccole variabili, certo: una donna con figli si preoccuperà soprattutto di preservarli dal dolore; io che figli non ne ho, mi preoccuperò soprattutto della sopravvivenza della mia fertilità, e così via.

Il punto è che, mentre di solito si lotta per mantenere quest’individualità tormentata, ci sono altre volte in cui non ci serve, non ci aiuta.
Come stanotte, mi sto per mettere a letto, e sotto le coperte mi chiuderò in posizione fetale e penserò che sto come tutte, e tutte stanno come me, e sarò tutte, e tutte saranno me.

E’ un modo come un altro per farci forza, no? Stringerci vicine.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s