L’amaro in bocca (letteralmente) – Post Utile

Okay, ora che ho fatto anche la seconda Biologica posso essere più lucida e consapevole.

Intanto, sì: continua a essere molto fastidiosa, più della Rossa.
PERO’
ci sono degli accorgimenti da seguire per uscirne indenne.

  • SE DOPO TRE GIORNI AVETE UN’ESPLOSIONE DI DOLORI ARTICOLARI INGESTIBILI. Provate a prolungare il prednisone (mezza pasticca) per altre due mattine. Un’altra storia.
  • SE IL PREDNISONE NON BASTA. Dio il terzo giorno ha inventato la tachipirina, se no col cazzo che reggeva una settimana. Prendetela. E ve lo dice una che ha il rifiuto dei farmaci, ma dovendo scegliere…
  • SE VI FA MALE IL FEGATO. Intanto si suppone che beviate tanto. Tanto tipo 3 litri d’acqua al giorno. Se non bastasse, fate in salto in erboristeria e comprate il CARDO MARIANO. In fialette. Sa di morte e decomposizione, ma funziona da paura. Sulla confezione c’è scritto di diluirlo nel succo di frutta, se il sapore è troppo forte, ma ve lo dico: il succo di frutta non basta. Sa di morte uguale. Morte e albicocca.
  • SE NON VOLETE AMMALARVI. Visto che i globuli bianchi inizieranno a fare come i lemmings e a buttarsi dalla scogliera del vostro sistema immunitario, la mattina io col caffellatte prenderei un bel bicchierone d’acqua con dentro a sciogliere il RESVIS XR. E’ un integratore. Funziona e sa di arancia.

    Globulo bianco. Notate il desiderio di suicidio nell'occhietto senza vita.

    Globulo bianco. Notate il desiderio di suicidio nell’occhietto senza vita.

  • SE VI E’ VENUTA LA DIARREA. So che direte di no perché non è proprio l’argomento principe delle vostre serate al Golf Club, ma vi è venuta, lo so. Prima che vi venga di nuovo, bombatevi di FLORTEC, 10 bustine di fermenti al gusto frutti di bosco (o meglio, RUTTI di bosco, perché si ripropongono per giorni).
  • SE NON VOLETE I FORMICOLII. Eh, se. Certo che non li volete. Io non li ho. E sapete perché? Perché mi bombo di vitamina E. SURSUM, capsule molli. Si manda giù bevendo il Resvis.
  • SE NON VOLETE CHE OGNI CIBO SAPPIA DI BRUCIATO. So che qui ho la vostra attenzione. Il grande difetto della Biologica, più della diarrea, più dei formicolii, più di qualsiasi altra cosa, è che per due settimane il cibo sa di cartone bruciato e poi ammollato d’acqua. Per una settimana è normale e poi TAC! altro giro di chemio. Per evitare che questo succeda c’è un modo.
    Il cibo sa di bruciato perché l’epitelio della bocca è bruciato. La bocca è in fiamme. La lingua è a pois. Sembra di avere un’ulcera allo stomaco, ma in faccia. Allora, la curiamo come fosse un’ulcera.
    Durante la Rossa ho avuto tanti dolori allo stomaco e, fra i vari gastroprotettori, mi hanno dato il RIOPAN. Lo vendono in gel, in bustine monodose da 80 mg. Se, invece di inghiottirlo come si fa normalmente, lo teniamo in bocca dieci minuti due volte al giorno, dopo due giorni il cibo tornerà a sapere di cibo.
    Non scherzo, con me ha funzionato benissimo.
    E sa di fragola.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s