La genialità

Mentre cerco di venire a patti con le mie nuove forme fisiche (sempre poco soddisfacenti), e in attesa dell’inizio della radioterapia, decido di passare il tempo con un’ansietta tutta nuova: il test genetico.

La faccio semplice per quelle che come me in biologia avevano voti immeritati perché in realtà non studiavano mai: nella meravigliosa doppia elica del mio DNA potrebbero esserci due geni mutati, BRCA1 e BRCA2, il che vorrebbe dire che il mio cancro non è dovuto (solo) all’inquinamento, all’aria, all’acqua, alla sfiga nera, ma sostanzialmente al fatto che la sfiga nera aveva il mirino laser.
Chi ha uno dei due geni mutati ha un rischio di avere il cancro che si aggira intorno al 60% (quasi 90% se entrambi i geni sono mutati), mentre tipo in una donna senza mutazione il rischio è intorno al 14%. Robe da ridere.

Visto che il cancro già ce l’ho avuto verrebbe da dire che infondo anche ‘sticazzi, no?
E invece no. Ho fatto il test.

Perché c’è la famosa opzione Jolie.
Intanto non voglio essere astiosa solo perché la Jolie era già interamente di plastica e quindi forse ha affrontato l’intervento con un altro spirito, ma soprattutto voglio far presente che non è l’unica opzione.
C’è il follow-up.
Il follow-up vorrebbe dire presentarmi periodicamente in istituto e fare screening costante, e se butta male rioperarmi (ma, mi assicura l’oncologa, non servirebbe la chemio).

Ora, visto che ancora non conosco l’esito dell’esame, so che è tutta accademia, ma io sono una schifezza a prendere decisioni, ogni volta che di fronte a me si è palesato nettamente un bivio ho fatto la scelta sbagliata (o quasi).
E’ buffo come la certezza ci spaventi più della casualità. In realtà, se avessi già la risposta dovrei essere più tranquilla, no? Dovrei più o meno sapere cosa fare, quando farlo, come farlo.
Ché in fondo tu non sei il tuo corpo.

Ma io sono il mio corpo, e i miei geni e le mie possibilità, scritte e assemblate a spirale.
Io sono questo corpo che non conosco più, e che conoscerò ancor meno.
Il corpo che da ieri ha iniziato la terapia ormonale, e quei cinque anni che prima erano solo un numero ora sono realtà e, in barba alla terapia e all’enantone e al tamoxifene e alla possibile sterilità, è un corpo che, ora come mai prima, desidera un figlio.

Stupido corpo, corpo traditore.

3 thoughts on “La genialità

  1. Anche io sento il corpo traditore, credo sia un sentimento naturale quando ti ritrovi con patologie croniche “naturali” e asintomatiche.
    Quando a novembre mi hanno fatto la mastectomia al seno sx chiesi di amputare anche il dx per evitare di affrontare tutto nuovamente e più in là con gli anni. Me lo hanno negato perché ho il DNA normale. Traditori i medici che non mi danno la possibilità di fare ciò che voglio con il mio corpo. Ora dovrò fare il ricostruttivo e vivere ancora con il terrore che i noduli a dx da benigni diventino maligni e ricominciare da capo. Traditori i medici!
    Per quanto riguarda le terapie che dire, possiamo sempre rifiutarle. Io non l’ho fatto e il Tamoxifene fa veramente schifo, mi chiedo tutti i giorni perché proseguire a prenderlo e poi mi rendo conto che il fantasma della recidiva è più potente di qualunque violenza chimica. Che dire d’altro, amica mia, ne usciremo comunque!😉 Ti abbraccio forte forte🙂

    • Ma sì, alla fine se ne esce🙂
      E’ come dici tu: nel tuo caso medici traditori (incommentabili) oltre alla natura; tutte cose che sfuggono il nostro diretto controllo, forse per questo ancora più spaventose.
      Ma che ci frega, noi siamo più tignose🙂

      (Grazie dei tuoi commenti sempre preziosi e pieni di spunti)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s